Visita al Giardino di Villa Barbarigo

Visita al Giardino di Villa Barbarigo cover
L’area dei Colli Euganei, a pochi chilometri da Abano Terme, è un paesaggio armonico di incredibile bellezza. Basti pensare che nel ‘600 questo territorio rappresentava l’entroterra della Repubblica di Venezia, a cui era collegato da una fitta rete di canali navigabili. Tra le varie ville sorte intorno a Padova, Villa Barbarigo è una delle più note per il giardino simbolico che merita senza dubbio una visita. Premiato come più bel giardino d’Italia nel 2003 e più bel giardino d’Europa nel 2007, il giardino noto anche come Pizzoni Ardemani si estende su una superficie di oltre 150.000 mq. Progettato da Luigi Bernini il giardino, infatti, rappresenta un’immensa scenografia in cui il visitatore attraversa vari elementi architettonici per raggiungere un maggior stato di consapevolezza. Tra i punti dal più alto valore simbolico ci sono la Grotta dell’Eremita, l’Isola dei Conigli, il Monumento al Tempo e, ovviamente, il labirinto, il suo simbolo più famoso. Il percorso all’interno della siepe di bosso è lungo un chilometro e seicento metri e al suo interno ci sono sette vicoli ciechi come i sette vizi capitali. Per uscirne è necessario tornare sui propri passi e ravvedersi. Attenzione: peccatori o no non è facile uscire dal labirinto, per questo c'è la mappa e, spesso, una persona incaricata in caso di bisogno. Il Giardino Barbarigo può essere visitato liberamente da marzo a novembre e su prenotazione da dicembre a febbraio. L’Hotel Ariston Molino è convenzionato con Villa Barbarigo e può offrire ai propri clienti agevolazioni sull’ingresso. Per raggiungerla dall’Hotel Ariston Molino sono sufficienti 29 minuti in auto percorrendo la SP25.